Google+ Followers

Pagine

16 febbraio 2010

Don't Shake me Lucifer

L'elettroscioccato ex leader dei 13th Floor Elevators è un genio anche dopo essersi fritto il cervello con LSD e volts, e io sono guerrescamente felice ogni volta che lo ascolto. Oggi sono nervosa, ma di un nervosismo costruttivo, intransigente e fiero, oserei definirlo Nevrofuturismo (l'influenza marinettiana non si è ancora dileguata). Non scuotermi, Lucifero.

8 febbraio 2010

the curse of Blondie


Oggi il cielo è come nei disegni dei bambini, completamente, irrimediabilmente azzurro, a pennarello, anzi a colore a spirito, come li chiamavamo alle elementari, quale spettro infesterà mai le scatole di pennarelli da 12? giù in cucina sono stata salutata da un feto appeso al soffitto, poi guardando meglio ho visto che è solo un salame fresco venuto male, ripiegato su sè stesso, pendulo nel suo budello. Sembra proprio un embrione abortito, un bozzolo alieno impiccato, un'oscena larva rigonfia di carne suina (e adesso basta con queste similitudini crude che faranno rabbrividire più di un vegano, e sollazzeranno più di un cannibale dei miei dodici lettori e mezzo!). Se ne sta lì impudico, e pretende che io faccia colazione davanti alla sua presenza invereconda. Ultimamente sono ossessionata da Blondie, mi piace la sua vocetta dispettosa, e dopo aver ascoltato l'intera discografia posso affermare che il mio disco preferito è "Parallel Lines" del 1978, ma anche il recente "The Curse of Blondie", datato 2003, non è affatto male, con quegli accenni dance anni '80 e quelle atmosfere futuristiche (e niente odiose derive reggae). E Debbie Harry ha mantenuto nel tempo quella voce da monella. E' la sintesi perfetta di irriverenza e attitudine sexy che mi fa impazzire. Ed è anche un buon motivo per rivedere Videodrome.

7 febbraio 2010

Hey, you! (rigurgito commemorativo per il signore in perizoma maculato qua sopra)

ehy tu
è già passato un anno
un mese esatto dopo Ron Asheton
fu il tuo turno
risucchiato dal vortice che ti aveva catapultato in questa dimensione
mirabile esempio di esperimento mal riuscito

devianza saliva sottomissione
tacchi alti muscoli tesi inguainati nel lattice
pelo pelliccia ambiguità scaglie
catene bulbi oculari fluttuanti woodoo bianco
esseri primitivi divinità galattiche denti
lupi mannari adolescenti mosche umane
sudore tra le gambe mutanti bisessuali onde radioattive

ancora infestano i miei migliori incubi




4 febbraio 2010