Google+ Followers

Pagine

10 marzo 2009




forse da qualche parte oltre l'arcobaleno c'è un posto il mio posto c'è pace c'è sonno c'è caldo dai che è finito l'inverno l'inferno è un posto pieno di donne nude dove coi diavoli ci si mette d'accordo (e. flaiano) c'è un rospo che mi vampirizza la gola non mi fa dormire se ne sta lì abbarbicato proprio sopra la clavicola sinistra che assieme a quella destra forma come una stampella nel senso di gruccia come se fossi sempre appesa come se la mia pelle fosse una maglietta sempre frivola tu non mi smentisco (dovrei asportarmi il mento) e comunque dai che è finito l'inverno l'inferno dai che è finito l'interno come quando percorri una galleria buia e interminabile e quando ne sei fuori è notte neanche la consolazione di un raggio di sole di quelli finti che non riscaldano manco per il cazzo ma sei contento lo stesso di vederlo dopo cinque giorni di pioggia fredda e fitta e impietosa
dopo mesi di noia mesi grigi come i batuffoli di polvere che proliferano sotto il letto un raggio di sole di rappresentanza buttato lì per pena e invece no il tunnel è finito ma ormai è notte.

2 commenti:

Anonimo ha detto...

mi piace invece
parecchio

ZyklonZombie ha detto...

Hai messo pure i Dead Boys..Entrare qui non potrebbe essere più gradevole. Bello anche questo scritto