Google+ Followers

Pagine

26 agosto 2008

Bene. Andiamo avanti con il mio vocabolarietto essenziale del garage rock. Come dicevo, tutto cominciò con quella raccolta, squisitamente compilata, che conteneva anche tre pezzi dei Sonics, band alla quale i Fuzztones devono molto. Ora. Rischio di sembrare esagerata ed esaltata dichiarando che a me i Sonics hanno cambiato la vita, ma (purtroppo o per fortuna) è proprio così. Erano anni che niente mi colpiva in quel modo, da quando a quattordici anni il mio compagno di classe metallaro mi regalò la cassetta dei Pistols...

G:

Godz: I Godz, di New York City, sono buoni, bravi e belli. La loro "Radar Eyes" ti risucchia in un vortice psichedelico senza via d'uscita, peccato che il disco "The Third Testament" sconfini un pò troppo nell'hard rock per i miei gusti, ma era già il '68. Attendo ardentemente la venuta sul mio computer del loro secondo album, dell'anno precedente. Grazie signore grazie.

Gonn: I Gonn erano di Keokuk, nell'Iowa. Chi non ci è mai stato? A quanto pare il loro "Blackout of Gretely" dev'essere un gran disco, addirittura "senza dubbio uno dei dieci migliori dischi punk rock di tutti i tempi", ma per la solita malanova che mi perseguita non l'ho mai sentito tutto intero. Ho solo il brano omonimo e un paio di pezzi sparsi. Tra l'altro si sono anche riuniti da poco.

Green Slime: di loro non so assolutamente nulla, semplicemente sono appassionata di fantascienza anni 60, e una band con questo nome non poteva che colpire il mio immaginario morbosetto. Tra l'altro c'era un film di quegli anni intitolato Green Slime, appunto, diretto da un giapponese. Anche l'unica canzone che conosco ha lo stesso nome. Ho il sospetto che non sia mai esistito alcun guppo, e il brano omonimo sia soltanto la colonna sonora della pellicola. Forte il video però:

Nessun commento: